Loading

RUINART NETWORK

PER FAVORE INDICATE IL VOSTRO PAESE E LA VOSTRA DATA

Per accedere al sito dovete avere l’età legale prevista nel vostro paese. Se non esistono tali leggi nel vostro paese, dovete avere più di 21 anni per visitare il sito.

Cliccando sul pulsante, accettate i termini e le condizioni del sito www.ruinartnetwork.com.
L'abuso di alcool è pericoloso per la vostra salute. Moët Hennessy Italia e Ruinart promuovono il consumo responsabile dei propri prodotti.

E' vietato ogni inoltro dei contenuti di questa pagina a utenti che non hanno l'età legale per consumare e/o acquistare alcolici nel proprio Paese o a utenti che risiedono in un Paese che limita oppure vieta la promozione di bevande alcoliche.
Moët Hennessy è membro del Forum Europeo per il Consumo Responsabile (www.efrd.org), DISCUS (www.discus.org) e Enterprise & Prévention (www.soifdevivre.com).

Per ulteriori informazioni su alcool e il bere in modo responsabile, visitate il sito CEEV.
wineinmoderation.eu

I LOCALI

BISTROT

Un nome semplice e diretto, che rimane in mente. Al Forte, e non solo, lo conoscono tutti. Un punto di riferimento, che con la sua storia ha costruito negli anni l’intreccio stesso su cui è cresciuta l’offerta gastronomica di qualità a Forte dei Marmi.
Il Bistrot come oggi lo conosciamo nasce nel 1990 quando la famiglia Vaiani (oggi c’è Davide a dirigere il locale) ne prende in mano la gestione. All’inizio l’offerta è lineare e semplice: una genuina cucina di mare, ma anche di carne, basata sull’ottima materia prima locale.
Curiosamente Forte dei Marmi non ha avuto in passato una tradizione culinaria marinara. Ma il Bistrot inizia un’evoluzione decisa e costante verso un’offerta sempre più raffinata ed elegante. Una bella villa adagiata sul mare, che si porge quasi fosse una residenza privata ai suoi clienti, per la maggior parte affezionati. Sale eleganti, ariose, decoro indiscutibile, gli elementi distintivi con cui negli anni ogni frequentatore del Bistrot viene coccolato e accudito.

La clientela, infatti, è l’anima stessa del Bistrot, è la sua carta d’identità, che con il tempo si modifica (oltre agli storici utenti milanesi oggi anche russi, arabi e americani), ma che non ha mai mutato il suo desiderio di convivialità e piacevolezza.
Sentimenti che nascono anche dalla cucina, da sempre nelle mani dello Chef Daniele Angelini: la regola aurea ruota intorno alla qualità della materia prima, pesce in primis, ma questa volta l’affermazione non è una frase fatta, visto che i Vaiani attingono frutta e verdura dalla propria azienda agricola nell’entroterra e qui il re è il padre di Davide, Piero.
La mamma Nadia, per anni il vero punto di riferimento per tutti, oggi non c’è più. Ha insegnato a tutti l’arte dell’accoglienza, dell’amore per questo lavoro. I suoi eredi sono lì ha dimostrare quanto grande è stato il suo esempio.

RESTA IN CONTATTO CON

RUINART NETWORK

Ricevi in anteprima le ultime novità sui prodotti, eventi e nuovi locali.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER